Crisi energetica cinese e problemi alle forniture 2024: cosa aspettarsi

05/10/2021

La Cina sta lottando con una grave crisi energetica che ha lasciato milioni di case e aziende senza corrente elettrica per diverse ore della giornata. I blackout non sono così insoliti nel Paese, ma quest'anno una serie di fattori ha contribuito a far esplodere una situazione di difficoltà senza precedenti.

Il problema è particolarmente grave nei centri industriali nordorientali della Cina, che con l'avvicinarsi dell'inverno richiedono sempre più energia, ed è qualcosa che potrebbe avere implicazioni nel resto del mondo.

In passato il Paese ha lottato per bilanciare le forniture di elettricità con la domanda, il che ha spesso lasciato molte delle province cinesi a rischio di interruzioni di corrente. Solitamente il picco di richiesta energetica avviene durante i periodi in estate e in inverno, ma quest'anno la situazione è peggiore del previsto.

Mentre il mondo inizia a riaprire dopo la pandemia, la domanda di merci cinesi è in aumento e le fabbriche che le richiedono hanno bisogno di molta più energia. In questo articolo analizzeremo le cause, le conseguenze e le soluzioni a questa crisi energetica.

Le regole imposte da Pechino nel tentativo di rendere il paese carbon neutral entro il 2060 (fonte Ansa) hanno visto rallentare la produzione di carbone, anche se il paese fa ancora affidamento sul carbone per più della metà della sua potenza. E con l'aumento della domanda di elettricità, il prezzo del carbone è aumentato.

Ma con il governo che controlla rigorosamente i prezzi dell'elettricità, le centrali elettriche a carbone non sono disposte a funzionare in perdita, infatti molte riducono drasticamente la loro produzione aggravando questa crisi energetica.

Chi è stato colpito dalla crisi energetica cinese?

Abitazioni private, fabbriche e uffici sono stati colpiti da interruzioni di corrente poiché l'elettricità è stata razionata in diverse province e regioni. Ci sono stati blackout in quattro province: Guangdong nel sud e Heilongjiang, Jilin e Liaoning nel nord-est.

Le aziende nelle principali aree di produzione del paese sono state invitate a ridurre il consumo di energia durante i periodi di picco e di limitare il numero di giorni in cui operano. Le industrie ad alto consumo energetico come la produzione di acciaio, alluminio, cemento e produzione di fertilizzanti sono tra le attività più colpite dalle interruzioni.

I dati ufficiali hanno mostrato che nel settembre 2021 l'attività delle fabbriche cinesi si è ridotta al minimo dal febbraio 2020, quando i blocchi del coronavirus hanno paralizzato l'economia. Le preoccupazioni per la crisi energetica hanno contribuito a far sì che le banche di investimento tagliassero le previsioni per la crescita economica del Paese.

Goldman Sachs ha stimato che il 44% dell'attività industriale del paese è stata colpita dalla crisi energetica cinese. Ora si aspetta che la seconda economia più grande del mondo si espanda del 7,8% quest'anno, in calo rispetto alla precedente previsione dell'8,2% (fonte Il Sole 24 Ore).

A livello globale, le interruzioni potrebbero influenzare le catene di approvvigionamento, in particolare verso la stagione degli acquisti di fine anno. Da quando le economie hanno ripreso a correre, i rivenditori di tutto il mondo hanno già dovuto affrontare un'interruzione diffusa a causa di un'impennata della domanda di importazioni.

Crisi energetica cinese blackout settore alluminio interruzioni energia elettrica

Cosa sta facendo la Cina per risolvere il problema?

I blackout in molte delle province settentrionali della Cina hanno spento le luci stradali lo scorso fine settimana, causando ingorghi lunghi chilometri in diverse città (fonte The Standard). I residenti dei grattacieli sono stati costretti a prendere le scale in alcune città dove sono stati bloccati gli ascensori per risparmiare elettricità (fonte BBC).

L'amministrazione provinciale dell'energia nella provincia meridionale del Guangdong in Cina ha chiesto ai residenti di smettere di usare l'aria condizionata e di affidarsi alla luce naturale invece delle lampadine elettriche. Nel frattempo hanno aumentato del 25% i prezzi dell'energia alle utenze industriali nelle fasce orarie di punta (11-12 e 15-17).

La maggior parte delle aziende coinvolte, con lo scopo di limitare i costi di produzione, hanno deciso di posticipare gli orari di lavoro alla sera, in quanto il prezzo dell'energia è inferiore. Per ora questa strategia sembra contrastare questa crisi energetica e non si sono riscontrati significativi disservizi.

Solitamente le autorità cinesi risparmiano i consumatori domestici dai blackout, preferendo costringere gli utenti industriali a ridurre prima il loro consumo di energia. A tal scopo, fornitori di aziende come Apple e Tesla hanno annunciato la chiusura delle fabbriche per giorni con lo scopo di razionare l'elettricità (fonte Reuters).

La Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme (NDRC) ha delineato una serie di misure per risolvere il questa crisi energetica, dando priorità a soddisfare la domanda nel nord-est del Paese, in vista della stagione invernale.

Le misure includono una stretta collaborazione con i produttori di energia per aumentare la produzione, garantire la disponibilità di carbone e promuovere il razionamento dell'elettricità con lo scopo di affrontare la crisi energetica e risolverla in tempi brevi.

Il China Electricity Council, che rappresenta le aziende produttrici di energia, ha affermato che le società elettriche a carbone stanno ora ampliando i loro canali di approvvigionamento per garantire sia il calore invernale che le forniture di elettricità per poter risolvere la crisi energetica prima dell'inverno.

La Cina ha drasticamente ridotto il consumo di carbone dal 2017, riducendo la percentuale utilizzata per generare elettricità da oltre l'80% al 51,8% nel 2019. L'energia rinnovabile, tra cui eolica e solare, ha compensato la maggior parte della differenza, tuttavia il Paese dipende ancora dai combustibili fossili.

Come si è arrivati a questa crisi energetica?

Le ragioni principali della mancanza di energia nel sud della Cina sono diverse da quelle del nord. Il sud sta esaurendo l'energia idroelettrica; il nord si trova in difficoltà per l'aumento dei prezzi del carbone.

Le province meridionali della Cina, come il polo manifatturiero del Guangdong, hanno subito carenze di energia da giugno, quando i funzionari locali hanno ordinato ai produttori di razionare l'energia, costringendo le fabbriche a tagliare la produzione (fonte Reuters). Questa soluzione era solo un preludio all'attuale crisi energetica.

Crisi energetica cinese blackout fabbriche Guangdong Shenzhen

Il Guangdong ottiene il 30% della sua elettricità dall'energia idroelettrica, ma un'estate più calda della media ha prosciugato i bacini idrici e fatto evaporare la fornitura di energia nello Yunnan. Allo stesso tempo, l'aumento dei volumi delle esportazioni ha causato un picco nella domanda di energia, portando ad una carenza di energia.

Le province settentrionali cinesi dipendono maggiormente dai combustibili rispetto a quelle meridionali. Il nord arido e gelido fa molto affidamento sulle centrali elettriche a carbone per generare elettricità. Le autorità hanno razionato l'energia alle industrie più "affamate", come l'estrazione di Bitcoin e la fusione dell'alluminio (fonte Global Times).

In Cina, la rigida regolamentazione dei suoi mercati energetici da parte del governo ha costretto i produttori di elettricità ad accettare i costi crescenti delle materie prime, come il carbone, senza scaricarli ai consumatori. Adesso per molti di questi produttori di energia, il costo è diventato troppo alto e questo ha reso la crisi energetica più grave.

Fino a due anni fa, il governo consentiva ai produttori di energia di aumentare le tariffe elettriche di appena il 10% per tenere conto di un improvviso aumento dei costi operativi. Ma, nell'ottobre 2019 la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme (NDRC), ha ordinato il congelamento degli aumenti dei tassi a tempo indeterminato.

Il mese scorso, 11 produttori di energia nel nord della Cina hanno presentato una petizione al governo per consentire agli operatori di aumentare i prezzi per i consumatori per risolvere la crisi energetica ed aumentare la produzione. Se i rincari non possono essere trasferiti agli utenti, hanno avvertito i produttori di energia, rischiano il fallimento.

Il mese scorso nel Guangdong le temperature hanno raggiunto i 33 gradi Celsius ed alle famiglie è stato chiesto di spegnere l'aria condizionata, il governo provinciale ha annunciato che avrebbe consentito ai produttori di energia di trasferire i costi sui consumatori. Questo ha limitato l'utilizzo di corrente elettrica e tamponato la crisi energetica.

Mentre la Cina continua verso la decarbonizzazione, far pagare di più ai consumatori per l'inquinamento aiuterà a stimolare questa transizione. La sfida per Pechino sarà ridurre al minimo l'interruzione costringendo la sua gente a finanziare il cambiamento ed evitare una nuova crisi energetica.

La Cina fatica a produrre elettricità?

No, c'è la capacità di generare elettricità. Dall'inizio dell'anno la produzione di elettricità è aumentata di circa il 10% grazie alla ripresa dell'economia dalla pandemia. Tuttavia, la Cina è il più grande importatore mondiale di carbone. I prezzi dei combustibili fossili sono aumentati negli ultimi mesi in risposta all'aumento della domanda.

Purtroppo però le scorte di carbone sono esaurite prima del previsto, ed i produttori sperano che Pechino elimini tutte le restrizioni ambientali che aumentano il costo della produzione di elettricità con i combustibili fossili o che i prezzi mondiali diminuiscano per lasciarsi alle spalle questa crisi energetica in modo definitivo.

La situazione è peggiorata per la Cina quando lo scorso anno l'Australia ha chiesto di avviare un'indagine internazionale sulle origini della pandemia di coronavirus. Pechino ha imposto un divieto non ufficiale alle importazioni dall'Australia, rendendolo dipendente dal carbone più costoso dei fornitori nazionali e da altri Paesi.

Crisi energetica Cina produzione corrente elettrica carbone

Tuttavia, trovare nuove fonti di importazione di carbone potrebbe non essere semplice. La Russia è già impegnata a fornire i suoi clienti in Europa, la produzione indonesiana è stata colpita da forti piogge e la vicina Mongolia sta affrontando una carenza di capacità di trasporto su strada.

Un quadro geopolitico delicato

Pechino sembra che non abbia intenzione di allentare gli standard ambientali dopo aver dichiarato di sentirsi responsabile sul cambiamento climatico ed in vista del COP26 di Glasgow previsto per novembre vuole dare un'immagine di leadership su questo tema.

Oltre a questo, Shijiazhuang e la provincia di Heilongjiang, entrambe nel nord della Cina, ospiteranno le Olimpiadi invernali dall'inizio di febbraio 2022, per le quali sarà richiesto il cielo limpido di fronte al pubblico di tutto il mondo (Beijing 2022). Questa situazione potrebbe ritardare l'uscita dalla crisi energetica.

Va ricordato che la Cina ha ospitato le Olimpiadi estive nel 2008 e, per garantire un cielo azzurro a favore di telecamere ed opinione pubblica mondiale, ha chiuso le fabbriche inquinanti entro un raggio di 250 km dalla città quattro mesi prima.

Il governo USA è in gran parte responsabile dei prezzi alla produzione e del costo dell'energia mondiale. Se desidera mettere sotto pressione la Cina, in questo momento ha la possibilità di farlo. Va considerato però che la Russia potrebbe voler sostenere Pechino e rompere con gli alti prezzi dell'energia imposti a livello globale.

La Russia può permetterselo ed una tale mossa potrebbe dare a Mosca una certa influenza su Pechino sul piano politico ed economico. Gli Stati Uniti devono stare attenti a non intervenire troppo tardi su questo tema, poiché più tardi lo fanno, maggiori sono le sollecitazioni su un'economia globale in ripresa ma in carenza di energia.

In passato, la Cina ha affrontato la carenza di energia con un sistema a rotazione. Venti anni fa, il paese ha subito un'altra crisi energetica quando la produzione è esplosa in un momento in cui la rete energetica nazionale non era sufficientemente sviluppata per soddisfare l'enorme domanda.

Sono stati mantenuti i servizi essenziali, poi introdotto un sistema di condivisione comunitaria dell'energia. Le fabbriche sono state suddivise in categorie ed è stato loro comunicato in anticipo (una questione cruciale quando si pianifica la produzione) quando l'energia sarebbe diminuita.

Alcune industrie sono state incoraggiate ad investire in generatori di riserva permanenti. Questa crisi energetica è perdurata per nove mesi, fino a quando la rete nazionale ha aumentato la produzione e quindi soddisfatto a pieno la domanda nazionale di corrente elettrica.

Cosa aspettarsi i prossimi mesi?

Il periodo più caldo dell'anno sotto l'aspetto produttivo si avvicina, infatti mancano poche settimane al Black Friday, Cyber Monday e soprattutto al Natale. Ci sarà quindi un picco della domanda di merci dalla Cina e la crisi energetica potrebbe peggiorare.

Chinese energy crisis China import supply

Per quanto riguarda il Natale e le forniture di giocattoli, le cose sono cambiate dai primi anni 2000, quando il Guangdong produceva il 95% della domanda globale di decorazioni natalizie. Infatti, la Cina ha scalato la "catena del valore" e nessuno dei più grandi produttori di giocattoli al mondo è cinese, anche se i prodotti vengono realizzati lì.

Tuttavia, negli ultimi anni (soprattutto nel mercato statunitense) a causa della guerra dei dazi voluta da Donald Trump alcuni anni fa, la produzione è stata spostata in altri Paesi, come il Vietnam.

Questa è diventata un'efficace estensione del modello di business China Plus One, che ha visto gli investitori stranieri dividere la loro produzione in due parti: la prima con sede in Cina per il mercato interno cinese e la seconda, con sede in località come Vietnam, India, Thailandia, Filippine o Bangladesh per servire il mercato occidentale.

Si tratta però di una soluzione che non sempre si è rivelata efficace, in quanto molti Paesi presentano formazione professionale, competenze, flessibilità e sviluppo tecnologico inferiori rispetto alla Cina. Va anche considerato il fatto che questa crisi energetica non sta colpendo solo Pechino e che quindi potrebbero presentarsi gli stessi problemi.

Appoggiarsi a strutture in loco è fondamentale per poter affrontare al meglio questa crisi energetica, seguire la produzione passo passo ed evitare spiacevoli imprevisti come ritardi, errori di conformità e documentazione incompleta.

Strumenti come Noziroh Hub sono la fondamentali per le importazioni di prodotti dalla Cina e la gestione dei processi produttivi con successo. Con un unico riferimento è possibile gestire l'intera catena di approvvigionamento, dalla ricerca del fornitore alla produzione, dalla certificazione allo stoccaggio della merce e la spedizione dalla Cina.

Il nostro team di esperti segue i clienti anche nelle delicate fasi di importazione e sdoganamento della merce, comunicando in lingua italiana. L'azienda si trova in Italia ed ha una filiale in Cina da cui è possibile stoccare la merce proveniente dai fornitori, controllarla ed in seguito spedirla al cliente in una volta sola.

Autore: Alessandro Ave

Riproduzione riservata © Copyright Noziroh
IL BLOG

Resta aggiornato

Pubblichiamo articoli utili per le aziende che vogliono conoscere il mercato cinese e vendere in Cina.
Sfoglia il blog

Contattaci

Visit our FacebookVisit our InstagramVisit our LinkedIn
Noziroh - Partita IVA IT04266980277
Via G. Leopardi 13, Torre di Mosto 30020 VE - Italia
Venezia
Siviglia
Shanghai
Guangzhou
Contattaci
Powered by KGM - © 2024 Noziroh - Tutti i diritti riservati
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram

UTILIZZO DEI COOKIE PER LA MIGLIORE ESPERIENZA POSSIBILE SUL SITO NOZIROH HUB

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. Per maggiori informazioni, puoi consultare la pagina utilizzo di cookie.